Codice di condotta etica e professionale

THRUST S.R.L.

 

Indice

Premessa

1.Introduzione

1.1 Che cos’è l’«Etica»

1.2 L’Etica aziendale

1.3 Il Codice Etico

1.4 Lo «stile» THRUST

1.5 Condivisione del Codice Etico

2.Il nostro impegno

3.Valori

3.1 Onestà e trasparenza

3.2 Responsabilità sociale

3.3 Centralità della persona-Diversità e Inclusione (D&I)

3.4 Tutela del lavoro

3.5 Rispetto di leggi, codici e regolamenti vigenti

4.Norme e standard di comportamento

4.1 Rapporti con gli Stakeholder

4.2 Marketing e Comunicazione

4.3 Informazione e rendicontazione

4.4 Controllo interno

4.5 Corruzione e concussione

4.6 Diligenza e correttezza nella gestione dei contratti

4.7 Protezione delle informazioni

5.Indicazione delle modalità di attuazione e controllo

5.1 Ambito di applicazione del Codice Etico

5.2 Istituzione dei Comitati preposti al monitoraggio

5.3 Segnalazione delle violazioni del Codice Etico

5.4 Comunicazione e diffusione del Codice Etico

  1. Appendice di dettaglio ai fini del D.Lgs. 231/2001

6.1 Tutela del Capitale Sociale, dei Creditori e del Mercato

6.2 Pubblica Amministrazione

6.3 Conflitto d’interessi

6.4 Omaggi, regalie e altre forme di benefici

 

 

INTRODUZIONE

1.1 Che cos’è l’Etica

L’Etica rappresenta un insieme di comportamenti e di valori che orientano la condotta dell’uomo all’interno della comunità a cui esso fa parte. Valori che si sono costituiti con il tempo, come nel caso delle istituzioni, della famiglia, della società civile ed altre realtà più complesse come quelle delle imprese.

L’approccio delle imprese verso i propri doveri etici e sociali si è notevolmente rafforzato nel corso degli ultimi decenni. I valori etici possono essere considerati i principi fondamentali secondo i quali le imprese e i dipendenti interagiscono.

Questi principi sono presi in considerazione nell’assunzione di decisioni strategiche anche nei confronti dei clienti. Le aziende etiche e di successo, come THRUST, nelle relazioni con i clienti, cercano di realizzare un vantaggio reciproco. I nostri dipendenti si assumono la responsabilità delle condotte aziendali.

1.2 L’Etica aziendale

Il Codice Etico Aziendale è un documento che definisce le norme morali e sociali al quale tutti i dipendenti e il management devono conformarsi.

Il codice etico in azienda identifica e valorizza i propri principi di riferimento e definisce le modalità per perseguirli e rispettarli. Lo sviluppo e il mantenimento del Codice Etico dipende essenzialmente dalla volontà e dalla coerenza del management e dal coinvolgimento nel senso di responsabilità dell’azienda nel suo complesso.

1.3 Il Codice Etico

Il Codice Etico Aziendale coinvolge sia i comportamenti collettivi che quelli dei singoli individui. Esso fa riferimento ai principi di:

– equità ed eguaglianza;
– trasparenza;
– onestà;
– diligenza;
– imparzialità;
– riservatezza;
– tutela della persona;
– tutela ambientale.

I responsabili di THRUST sono impegnati a verificare che il Codice Etico Aziendale soddisfi i criteri di gestione e che tutte le prassi adottate possano essere considerate etiche in riferimento a: lo statuto dei lavoratori, il codice civile, il CCNL, la normativa nazionale vigente.

I responsabili di THRUST inoltre assicurano l’osservanza da parte di tutti i membri appartenenti all’organizzazione, fornendo loro la necessaria formazione e informazione sulle modalità di controllo e sui provvedimenti sanzionatori in caso di violazione dell’osservanza di tale codice.

Le Leggi in materia di responsabilità sociale dell’impresa stabiliscono che i sistemi organizzativi e di gestione delle risorse umane devono essere realizzati in modo da prevenire comportamenti illeciti. L’azienda viene considerata responsabile qualora un suo dipendente ne commetta una violazione e può essere sanzionata con pene anche molto severe. L’adozione di un Codice Etico Aziendale può prevenire che tali violazioni alla Legge accadano.

 

1.4 Lo Stile THRUST

Favorire una cultura aziendale centrata sulle persone. Noi di THRUST offriamo strumenti scientifici per semplificare e ottimizzare i processi HR. Rileviamo le competenze e le attitudini  dei lavoratori allineando i comportamenti  delle persone al business dell’ impresa.

Il nostro obiettivo è ascoltare, pianificare e gestire l’ engagement delle risorse umane.

Essere il partner ideale delle imprese che vedono nella valorizzazione e sostenibilità del capitale umano la chiave del loro sviluppo.

Il nostro stile è la sostenibilità del capitale umano con la profonda convinzione che il valore della persona sia il vero motore di crescita delle imprese e delle organizzazioni. Interveniamo a fianco delle imprese condividendone questi obiettivi:

  • ottimizzare e innovare  la gestione delle risorse umane  attraverso azioni che mettono davvero la persona al centro dell’impresa, creano allineamento di tutto il personale  agli obiettivi di business aziendale, rafforzano valore, consapevolezza e  spirito di identità, dando vero vantaggio competitivo;
  • attuare i processi di HR digitalization attraverso strumenti scientifici di ultima generazione per scegliere le persone giuste, collocarle nel luogo giusto, fare piani di sviluppo di carriera e gestire efficacemente i team. Utilizzare metriche e dispositivi tech è oggi importante ma non sufficiente: fondamentale è poi la rielaborazione ed  e interpretazione dei dati a servizio dell’azienda.

Il capitale umano è il più proficuo investimento.

Contribuire all’eccellenza delle aziende curando l’eccellenza delle persone. Creare valore abbattendo i costi.

1.5 Condivisione del Codice Etico

Questo documento vuole essere, quindi, un incentivo razionale per cercare di capire non solo cosa sia giusto fare, ma anche il «perché» sia necessario farlo.

L’obiettivo primario è quello di far sì che sia introdotta anche una valutazione etica, sia nel decidere i propri comportamenti sia nel valutare quelli degli altri, unendo in questo modo la sfera morale a quella manageriale, le responsabilità individuali a quelle dell’Azienda e la sfera personale a quella organizzativa: ossia tradurre il ragiona-mento in una concreta azione etica.

Questo documento deve essere un «contratto morale» sottoscritto da tutti gli Esponenti Aziendali, dai collaboratori esterni e dai fornitori del Gruppo. Deve diventare un vincolo morale personale. Non rafforzerà direttamente la posizione competitiva, ma lo farà indiretta-mente se permetterà a tutti di adottare una visione etica e una cultura condivisa.

 

 

Il nostro impegno

Attraverso «Il nostro impegno», THRUST  esplicita lo scopo, il fine comune dell’attività degli individui e dei gruppi che collaborano all’interno dell’organizzazione e che intrattengono relazioni esterne per essa.

 

Il nostro impegno

Offrire prodotti legati alle Risorse Umane che contribuiscano ad una crescita e valorizzazione delle persone, nel rispetto delle logiche aziendali e della dignità delle persone.

THRUST si focalizzerà prioritariamente su due aree di business:

  • Ricerca e selezione
  • Gestione delle risorse umane

 

Persone

Le persone sono il principale e costante punto di riferimento di tutto ciò che facciamo.

Ci occupiamo dell’intero processo HR con approccio scientifico: dalla ricerca e selezione (aut. anpal), job analisis e performance assessment, fino all’outplacement del personale. Diamo risposta ai bisogni delle organizzazioni per la gestione del personale, con percorsi su misura. Mappiamo competenze, sviluppiamo talenti e potenzialità individuali e dei team. Costruiamo insieme percorsi di Happiness Aziendale e di People Strategy.

 

Gente THRUST

La gente THRUST rappresenta la risorsa centrale per lo sviluppo e il successo dell’Azienda.

THRUST riconosce nella diversità delle culture e dei talenti un valore fondamentale e vuole attrarre e far crescere persone con doti di leadership, passione per i prodotti alimentari e curiosità intellettuale. Coerenza, trasparenza e rispetto debbono guidare ogni decisione e comportamento, in un contesto di fiducia reciproca e di interdipendenza.

 

Prodotto

I servizi che offriamo sono al centro di ogni nostra attività e impegno quotidiano. THRUST concentrerà i suoi sforzi sull’innovazione per generare servizi di qualità superiore, percepiti dalle persone e dai clienti come distintivi.

 

Marchi

I marchi di THRUST sono l’identità dell’impresa.

Il sostegno dei nostri marchi sarà perseguito attraverso la coerenza dei prodotti e la qualità della comunicazione.

Ambiente

THRUST è impegnata a operare nel rispetto della sicurezza e nella qualità dei servizi offerti, ben consapevole delle proprie responsabilità sociali ed etiche nei confronti di tutti i soggetti coinvolti.

 

Clienti

I clienti sono i nostri partner per raggiungere il successo nel business. Dobbiamo lavorare con loro per valorizzare le categorie in cui operiamo, sempre nel pieno rispetto delle persone.

 

Concorrenti

I concorrenti sono il nostro stimolo e la positiva sfida ad essere sempre migliori.

THRUST è animata da un forte e corretto spirito competitivo volto al miglioramento continuo di ciò che fa.

 

Profitto

Il profitto è un indicatore importante della salute dell’impresa, ed è elemento fondamentale per la creazione di sviluppo e di benessere.

 

 

Valori

THRUST ha una forte identità alla cui base è da sempre uno «stile» umano e professionale fatto di correttezza nei comportamenti, di equilibrio tra il rispetto per le persone e l’interesse per l’Aziende.

Cambiano le pratiche e gli scenari, ma la coerenza con questi valori è, e resterà, il migliore biglietto da visita. Lo «stile» THRUST, inteso come un reciproco arricchimento umano e professionale delle persone che vi lavorano, resterà immutato se tutti coloro che operano nell’Azienda continueranno a rispettare i basilari valori e princìpi di riferimento.

THRUST considera come punti irrinunciabili nella definizione dei propri valori la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU, le Convenzioni e le Raccomandazioni Internazionali del Lavoro emanate dall’ILO (International Labour Organization) e i princìpi enunciati nel Global Compact proposto dall’ONU.

 

  • Onestà e Trasparenza

L’onestà rappresenta il principio fondamentale per tutte le attività di THRUST, le sue iniziative, i suoi prodotti, i suoi rendiconti e le sue comunicazioni e costituisce elemento essenziale della gestione aziendale. I rapporti con gli stakeholder, a tutti i livelli, devono essere improntati a criteri e comportamenti di correttezza, coerenza, lealtà e reciproco rispetto.

THRUST dialoga in modo chiaro, trasparente, accurato e tempestivo, con i suoi stakeholder.

 

Responsabilità sociale

THRUST crede che la propria attività imprenditoriale, per potersi qualificare come eticamente responsabile, debba perseguire modelli aziendali che rispettino e salvaguardino i diritti umani e il benessere delle comunità, promuovendo lo sviluppo umano in modo equo e legale, nella consapevolezza che la responsabilità sociale ed etica si estende anche alle comunità.

 

  • Centralità della persona – Diversità e Inclusione (D&I)

In coerenza con la sua visione etica, THRUST  intende  sviluppare  il valore di ogni persona, rispettandone l’integrità fisica, culturale e morale, così come il diritto di interagire ed associarsi con altri. THRUST pone attenzione a tutti gli aspetti inerenti la vita delle persone, poiché è la vita umana ad ispirare tutte le attività della società. THRUST supporta e rispetta i diritti umani nelle sue attività e sfera d’influenza, offre eguali opportunità per lo sviluppo delle sue persone e ne protegge la privacy.

THRUST crede che fare la cosa giusta sia corretto per il business e che rispettare la diversità e promuovere l’inclusione possa essere fonte di vantaggio competitivo, creando una forza lavoro più motivata per l’adozione delle migliori decisioni, basate su una profonda comprensione delle persone che acquistano e consumano i prodotti della società in tutto il mondo. THRUST non tollera alcuna forma di discriminazione o esclusione, fra l’altro per quanto attiene età, cultura, etnìa, nazionalità, credo religioso, razza, opinione politica, stato civile, gravidanza, stato di reduce di guerra, genere e orientamento sessuale, identità e/o espressione di genere, informazione genetica, salute o disabilità.

  • Tutela del lavoro

THRUST garantisce la libertà di associazione dei lavoratori e riconosce il diritto alla contrattazione collettiva. Si impegna a non usufruire, neppure indirettamente, sia del lavoro forzato e obbligatorio, sia del lavoro minorile. Rifiuta ogni discriminazione in base all’età, al sesso, alla sessualità, allo stato di salute, alla razza, alla nazionalità, alle opinioni politiche e alle credenze religiose; ripudia ogni forma di discriminazione nelle politiche di assunzione e nella gestione delle risorse umane. THRUST si impegna a impedire ogni forma di mobbing e di sfruttamento del lavoro, sia diretto che indiretto, e a riconoscere nel merito, nelle prestazioni di lavoro e nelle potenzialità professionali i criteri determinanti per gli sviluppi retributivi e di carriera.

 

Rispetto di leggi, codici e regolamenti vigenti

THRUST reputa il rispetto delle normative nazionali e internazionali come condizione vincolante e imprescindibile del proprio agire. Si impegna pertanto, anche con attenta opera di prevenzione sulla consumazione di illeciti, a rispettare tali normative nonché le prassi generalmente riconosciute. Ispira inoltre le proprie decisioni e i propri comportamenti alle possibili evoluzioni del quadro normativo.

 

 

Norme e  standard di comportamento

Rapporti con gli stakeholder

I rapporti con gli stakeholder, a tutti i livelli, devono essere improntati a criteri e comportamenti di assoluta correttezza, collaborazione, lealtà e reciproco rispetto. THRUST considera come propri stakeholder: azionisti e finanziatori, Esponenti Aziendali e collaboratori esterni, clienti, fornitori, concorrenti, pubblica amministrazione, acquirenti di prodotti, collettività, comunità locali, mass-media.

 

Marketing e Comunicazione

THRUST ha il dovere di assicurare le condizioni necessarie affinché i suoi prodotti possano contribuire a una qualità elevata di valorizzazione delle risorse umane. Siamo orgogliosi della qualità dei nostri servizi e ci impegniamo a competere in modo onesto, adottando prassi commerciali etiche. Faremo ogni possibile sforzo per fornire esclusivamente informazioni precise e veritiere sui nostri prodotti e servizi in presentazioni, discussioni con i clienti, pubblicità, documentazione promozionale e annunci pubblici. Quando ci viene chiesto di confrontarci con la concorrenza, presenteremo le informazioni in maniera corretta e leale.

È quindi necessario considerare gli acquirenti dei prodotti THRUST come veri e propri interlocutori: delle «persone» che hanno il diritto di ricevere tutte le informazioni necessarie per compiere una scelta consapevole al momento dell’acquisto, e non solamente quali semplici

«consumatori» di servizi.

Per il raggiungimento degli obiettivi di impresa THRUST ha quindi il dovere di:

  • garantire alle persone una relazione basata su fiducia e lealtà;
  • prendere in considerazione, oltre ai «bisogni», anche quelle naturali esigenze intellettuali e cognitive che spingono le persone ogni giorno a chiedersi chi stiamo assumendo.

La comunicazione di THRUST:

  • sarà sempre rispettosa della centralità della «persona» con tutto il suo articolato sistema di bisogni fisici, psicologici, culturali e affettivi: la logica di mercato non dovrà mai ostacolare la piena trasparenza informativa;
  • rifiuterà messaggi volgari, contraddittori, incerti o ambigui;
  • avrà sempre presente la propria responsabilità nell’influenzare le scelte delle persone, facendosi garante della qualità della relazione fra impresa e

 

Informazione e rendicontazione

Tutte le attività di informazione e di dialogo con gli stakeholder devono avere caratteristiche di chiarezza, trasparenza, tempestività, completezza e coerenza, nel rispetto del diritto all’informazione.

Ciascun membro di THRUST è tenuto a collaborare affinché i fatti di gestione siano rappresentati correttamente e tempestivamente nella contabilità sulla base di informazioni veritiere, accurate, complete e verificabili. Ogni operazione e transazione deve essere correttamente registrata, autorizzata, verificabile, legittima, coerente e congrua. È compito di ogni dipendente far sì che la documentazione di supporto sia facilmente rintracciabile e ordinata secondo criteri logici.

Nessuna scrittura contabile falsa o artificiosa può essere inserita nei registri contabili dell’Azienda per alcuna ragione. Nessun dipendente può impegnarsi in attività che determinino un tale illecito, anche se su richiesta di un superiore.

 

Controllo interno

THRUST riconosce la massima importanza al controllo interno inteso come un processo, svolto dagli Esponenti Aziendali, finalizzato ad agevolare la realizzazione degli obiettivi aziendali, a salvaguardare le risorse, ad assicurare la conformità alle leggi ed ai regolamenti applicabili, a predisporre bilanci e dati economico-finanziari attendibili, veritieri e corretti.

Per questo fine THRUST ha creato e sviluppato nel tempo un insieme di strumenti, procedure e meccanismi idonei a gestire il funzionamento ed il monitoraggio dell’organizzazione.

Ben consapevole che il sistema di controllo interno rappresenta un elemento che caratterizza una buona gestione dell’Azienda, THRUST si impegna ad operare affinché la sensibilità del personale alla necessità del controllo possa essere accresciuta a tutti i livelli organizzativi. Allo stesso tempo, tutti gli Esponenti Aziendali devono sentirsi responsabili dell’aggiornamento e gestione di un efficace sistema di controllo interno. Per questo motivo la dirigenza non deve limitarsi a partecipare al sistema di controllo nell’ambito delle proprie competenze, ma deve impegnarsi a condividerne valori e strumenti con ciascun collaboratore o collega.

Tutti devono sentirsi responsabili della salvaguardia dei beni dell’Azienda (siano essi materiali o immateriali) e del loro corretto utilizzo. È fatto divieto di utilizzare in modo improprio o danneggiare i beni e le risorse dell’Azienda e di consentire ad altri di farlo.

 

Corruzione e concussione

THRUST si impegna a mettere in atto tutte le misure necessarie a prevenire ed evitare fenomeni di corruzione e concussione.

Non è consentito che siano versate somme di denaro, esercitate altre forme di corruzione allo scopo di procurare vantaggi diretti o indiretti all’Azienda stessa. Si fa divieto di accettare doni o favori da parte di terzi che oltrepassino le normali regole di ospitalità e cortesia.

Questo vale sia nel caso in cui un Esponente Aziendale persegua un interesse diverso dalla missione di impresa o si avvantaggi personalmente di opportunità d’affari.

 

Diligenza e correttezza nella gestione dei contratti

I contratti e gli incarichi di lavoro devono essere eseguiti secondo quanto stabilito consapevolmente dalle parti. Per una corretta gestione dei rapporti contrattuali THRUST si impegna a non sfruttare posizioni di dominio rispetto alle proprie controparti ed a garantire una informativa ampia ed esaustiva verso tutti i dipendenti e collaboratori coinvolti nelle attività previste dai contratti stipulati.

 

Protezione delle informazioni

THRUST riconosce che i beni intangibili digitali hanno col tempo acquisito un’importanza sempre crescente e considera la sicurezza delle informazioni, e l’osservanza dei relativi principi di riservatezza, integrità e disponibilità dei dati, come parte integrante delle sue attività.

THRUST si impegna a proteggere i propri sistemi informativi dall’accesso illegittimo e dalla divulgazione non autorizzata delle informazioni trattate, garantendo al contempo la piena conformità alle applicabili normative in materia di protezione dei dati personali e agli standard di sicurezza delle informazioni.

 

 

Indicazione delle modalità di attuazione e controllo

 

Ambito di applicazione del Codice Etico

Destinatari del Codice Etico sono tutti gli Esponenti Aziendali, senza alcuna eccezione, e tutti coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano rapporti o relazioni con THRUST ed operano per perseguirne gli obiettivi.

Ogni Esponente Aziendale, collaboratore esterno, consulente, fornitore, cliente è obbligato al rispetto del presente Codice Etico e dovrà accettarlo in forma esplicita.

THRUST richiede inoltre ai principali fornitori e partner una condotta in linea con i princìpi generali del presente Codice, ritenendo questo aspetto di fondamentale importanza per perseguire un modello di produzione eticamente responsabile.

Gli Esponenti Aziendali di THRUST hanno l’obbligo di conoscere le norme, astenersi da comportamenti contrari ad esse, rivolgersi al superiore o all’Organismo di Vigilanza  o il Comitato Etico e di Compliance aziendale preposti per chiarimenti o denunce, collaborare con le strutture deputate a verificare le violazioni e non nascondere alle controparti l’esistenza di un Codice. Nei rapporti d’affari, le controparti devono essere informate dell’esistenza di norme  di comportamento e devono rispettarle. L’osservanza delle norme del Codice è parte essenziale delle obbliga-zioni contrattuali di tutti i dipendenti ai sensi dell’art. 2104 del Codice Civile Italiano (art. 2104 cc).

THRUST, attraverso i suoi Esponenti Aziendali, si impegna a collaborare con ogni Autorità Pubblica, a favorire una cultura aziendale caratterizzata dalla consapevolezza di controlli esistenti e dalla mentalità orientata all’esercizio del controllo. Cercherà, inoltre, di approfondire e aggiornare il Codice Etico al fine di adeguarlo all’evoluzione della sensibilità civile e delle normative di rilevanza per il Codice Etico stesso. In particolare, il management è tenuto ad osservare il Codice nel proporre e realizzare i progetti, le azioni e gli investimenti della società e i componenti del Consiglio di Amministrazione, nel fissare gli obiettivi di impresa, devono ispirarsi ai princìpi del Codice. Coloro che occupano posizioni di responsabilità in THRUST (i soggetti apicali) sono infatti tenuti ad essere d’esempio per i propri dipendenti, a indirizzarli all’osservanza del Codice e a favorire il rispetto delle norme. Devono inoltre riferire all’Organismo preposto tutte le informazioni utili circa eventuali carenze nei controlli, comportamenti sospetti ecc., e modificare i sistemi di controllo della propria funzione su indicazione dell’Organismo stesso.

  • Istituzione dei Comitati preposti al monitoraggio

THRUST si impegna a far rispettare le norme attraverso l’istituzione di un Comitato Etico e di Compliance aziendale e di un Organismo di Vigilanza (con competenza specifica per le società del Gruppo con sede legale e principale attività in Italia), nel seguito collettivamente “Comitati”, al quale demandare i compiti di vigilanza e monitoraggio in materia di attuazione del Codice Etico, secondo le rispettive competenze. Tali Comitati si occuperanno in particolare di:

  • monitorare costantemente l’applicazione del Codice Etico da parte dei soggetti interessati;
  • gestire eventuali segnalazioni concernenti violazioni del Codice di significativa rilevanza;
  • esprimere pareri vincolanti in merito all’eventuale revisione del Codice Etico o delle più rilevanti politiche e procedure aziendali, allo scopo di garantirne la coerenza con il Codice stesso;
  • riportare eventuali violazioni al Consiglio di Amministrazione le violazioni commesse dai dirigenti della Società.

 

  • Segnalazione delle violazioni del Codice Etico

È compito dei Comitati sopra citati di segnalare, ai soggetti aziendali deputati all’irrogazione delle sanzioni, le violazioni commesse dagli Esponenti Aziendali o dai collaboratori esterni della società ai relativi responsabili, proponendo l’adozione di adeguate misure disciplinari.

THRUST ha attivato adeguati canali di comunicazione, consistenti in specifici indirizzi di posta elettronica attraverso i quali i soggetti cointeressati possano rivolgere le proprie segnalazioni in merito all’applicazione o alle violazioni del Codice.

In alternativa, tutti i soggetti cointeressati possono segnalare, per iscritto e in forma anonima, ogni violazione o sospetto di violazione del Codice Etico ai Comitati preposti alla vigilanza in materia di attuazione del Codice stesso.

Il Comitato competente per la gestione della segnalazione conseguentemente:

  • provvede a un’analisi della segnalazione, fornendo un riscontro all’autore della segnalazione e ascoltando, quando necessario, il responsabile della presunta violazione;
  • agisce in modo da garantire i segnalanti contro qualsiasi tipo di ritorsione, intesa come atto che possa dar adito anche al solo sospetto di essere una forma di discriminazione o penalizzazione;
  • assicura la riservatezza dell’identità del segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge;
  • in caso di accertata violazione del Codice Etico, riporta la segnalazione e gli eventuali suggerimenti ritenuti necessari al vertice aziendale o alle funzioni interessate, secondo la gravità delle violazioni;
  • questi definiscono i provvedimenti da adottare secondo le normative in vigore e secondo il sistema disciplinare adottato dalla Società; ne curano l’attuazione e riferiscono l’esito al Comitato preposto al monitoraggio del Codice
    • Comunicazione e diffusione del Codice Etico

THRUST si impegna a favorire e garantire adeguata conoscenza del Codice Etico divulgandolo presso i soggetti cointeressati mediante apposite ed adeguate attività di comunicazione.

Affinché chiunque possa uniformare i suoi comportamenti a quelli qui descritti, THRUST assicurerà un adeguato programma di formazione e una continua sensibilizzazione dei valori e delle norme etiche contenuti nel Codice.

 

6

Appendice di dettaglio ai fini del D.Lgs. 231/2001

Il richiamo che viene fatto di seguito ad articoli di legge o norme specifiche dell’ordinamento giuridico italiano è conseguenza dell’inserimento del Codice Etico quale elemento dell’ambiente generale di controllo definito e formalmente esplicitato ai sensi del Decreto Legislativo 231/01, ai sensi del quale è anche individuato uno specifico Organismo di Vigilanza.

A tal riguardo THRUST è consapevole del fatto che l’integrità e i valori etici sono elementi essenziali dell’ambiente di controllo della propria organizzazione e che essi incidono significativamente sulla progettazione, sull’amministrazione e sull’operatività quotidiana del proprio business. Affinché non vi siano incertezze o fraintendimenti su ciò che THRUST richiede agli Esponenti Aziendali rispetto a tali aspetti, il presente Codice e il modo in cui esso è inserito nella struttura di controllo dell’organizzazione saranno oggetto di ricorrenti azioni di formazione e comunicazione affinché lo stesso entri sempre più a far parte di una cultura aziendale consapevole, diventando così patrimonio comune condiviso a tutti i livelli.

 

  • Tutela del Capitale Sociale, dei Creditori e del Mercato

Uno degli aspetti centrali che qualificano la condotta di THRUST è costituito dal rispetto dei princìpi di comportamento intesi a garantire l’integrità del capitale sociale, la tutela dei creditori e dei terzi che instaurano rapporti con la Società.

Tali valori sono tutelati anche da norme penali che in Italia, ai sensi del D.Lgs. 231/01, possono costituire fonte di responsabilità per THRUST ove le fattispecie di reato siano realizzate nell’interesse della Società stessa.

A titolo esemplificativo si riportano alcuni tra i più significativi riferimenti legislativi sui Reati Societari:

  • False comunicazioni sociali (art. 2621 c.)
  • False comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori (art. 2622 commi 1 e 3 c.)
  • Falso in prospetto (art. 2623, commi 1 e 2 c.)
  • Impedito controllo (art. 2625, comma 2 c.)
  • Formazione fittizia del capitale (art. 2632 c.)
  • Indebita restituzione dei conferimenti (art. 2626 c.)
  • Illegale ripartizione degli utili e delle riserve (art. 2627 c.)
  • Illecite operazioni sulle azioni o quote della società controllante (art. 2628 c.)
  • Operazioni in pregiudizio dei creditori (art. 2629 c.)
  • Illecita influenza sull’assemblea (art. 2636 c.)
  • Aggiotaggio (art. 2637 c.)
  • Ostacolo all’esercizio delle funzioni delle Autorità Pubbliche di vigilanza (art. 2638, commi 1 e 2 c.).

A tal fine è posto l’espresso divieto a carico degli Esponenti Aziendali di porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti tali da integrare le fattispecie di reato previste dall’art. 25 ter del D.Lgs. 231/01 e porre in essere, collaborare o dare causa alla realizzazione di comportamenti che, sebbene risultino tali da non costituire di per sé fattispecie di reato rientranti tra quelle sopra considerate, possano potenzialmente diventarlo, ovvero comportamenti che possano favorire la commissione dei predetti reati.

Tutti gli Esponenti Aziendali, nell’ambito delle funzioni e attività svolte, sono responsabili della definizione e del corretto funzionamento del sistema di controllo e sono tenuti a comunicare in forma scritta, al superiore e all’Organismo di Vigilanza, le eventuali omissioni, falsificazioni o irregolarità contabili delle quali fossero venuti a conoscenza.

 

  • Pubblica Amministrazione

L’assunzione di impegni con le Istituzioni Pubbliche Locali, Statali, Comunitarie e Internazionali è riservata esclusivamente alle funzioni preposte e autorizzate. Per questo motivo è opportuno che venga raccolta e conservata la documentazione che riassume le modalità attraverso le quali THRUST è entrata in contatto con le Istituzioni. Ogni rapporto con le Istituzioni Locali, Nazionali, Internazionali o Comunitarie è riconducibile esclusivamente a forme di comunicazione volte a esplicitare l’attività di THRUST, a rispondere a richieste informali o ad atti di sindacato ispettivo (interrogazioni, interpellanze), o comunque a rendere nota la posizione dell’Azienda su temi rilevanti.

È fatto assoluto divieto di:

  • esaminare o proporre opportunità di impiego e/o commerciali che possano avvantaggiare dipendenti della Pubblica Amministrazione a titolo personale;
  • offrire o in alcun modo fornire omaggi, regalie e altre forme di benefici;
  • sollecitare od ottenere informazioni

Inoltre, è fatto divieto agli Esponenti Aziendali, ai collaboratori esterni e ai consulenti delle Società THRUST e ai terzi di:

  • falsificare e/o alterare i rendiconti al fine di ottenere un indebito vantaggio o qualsiasi altro beneficio per la Società o per il Gruppo;
  • falsificare e/o alterare i dati documentali al fine di ottenere il favore o l’approvazione di un progetto non conforme alle normative vigenti in materia;
  • destinare fondi pubblici a finalità diverse da quelle per cui si sono

Conflitto d’interessi

Per garantire la massima trasparenza, THRUST e i propri dipendenti si impegnano a non trovarsi in situazioni di conflitto di interessi con dipendenti di qualsiasi Authority e loro familiari. Ciascun Esponente Aziendale che ritenga di trovarsi in una situazione di conflitto tra il proprio interesse personale, per suo conto o per conto di terzi, e gli interessi della Società, deve darne comunicazione immediata secondo l’opportunità, al proprio superiore gerarchico, al Consiglio di Amministrazione, al Collegio Sindacale e/o all’Organismo di Vigilanza/Comitato Etico, restando valide le norme specifiche previste dal Codice Civile. In particolare gli Esponenti Aziendali e le altre persone o entità con possibilità oggettiva di influenzare le scelte della Società, devono evitare assolutamente di utilizzare, anche solo implicitamente, la propria posizione per influenzare decisioni a proprio favore o a favore di parenti, amici e conoscenti per fini prettamente personali di qualunque natura essi siano.

  • Omaggi, regalie e altre forme di benefici

Gli Esponenti Aziendali di THRUST non devono accettare, neanche in occasione di festività, regali e altre utilità correlati alle loro attività professionali e che non siano di modico valore (Come valore di riferimento: 100,00 Euro). Ogni Esponente Aziendale che riceva, direttamente o indirettamente, richieste o offerte di omaggi o benefici eccedenti l’importo di riferimento, deve essere autorizzato dal responsabile di direzione o dal superiore diretto, se dipendente, e deve darne comunicazione all’Organismo di Vigilanza. Gli Esponenti Aziendali non chiedono per sé o per gli altri, né accettano regali o altre utilità da un subordinato o da suoi parenti. Il dipendente non offre regali o altre utilità a un sovraordinato o ai suoi parenti o conviventi, salvo quelli d’uso di modico valore. In ogni caso, gli Esponenti Aziendali di THRUST si astengono da pratiche non consentite dalla legge, dagli usi commerciali o dagli eventuali codici etici delle aziende o degli enti con i quali si hanno rapporti.